Come rispondere alla domanda del colloquio: “Come reagisce quando lavora sotto stress?”

Posted on Pubblicato in Colloqui di Lavoro

colloquio lavoroPuoi rispondere a questa domanda  facendo degli esempi di come, dopo il comprensibile panico iniziale, sei riuscito ad organizzarti in modo efficace, mettendoti sotto a lavorare, magari anche delegando delle attività o chiedendo aiuto ai colleghi, cercando sempre di mantenere costante il livello di qualità della tua performance-

E se non hai degli esempi? in questo caso il consiglio è di cercare comunque un episodio di vita personale in cui ti sei trovato a reagire positivamente sotto stress e di rispettare tempi (fosse anche riuscire a prendere un aereo raggiungendo l’aeroporto in tempi record!). Infatti il selezionatore sa bene che le competenze sono trasversali, ossia applicabili in contesti diversi, siano essi personali o lavorativi.

One thought

  1. Recentissamente ho sostenuto un colloquio(il sesto nella stessa azienda) veramente “pazzo”.
    Il CFO ha fatto una sceneggiata da pazzo instabile, mai vista e capitata in vita mia, neppure nella vita reale. Sibilava e diceva parole a metà, si muoveva in modo nevrotico.
    Uno squilibrato: I primo 10 minuti non riuscivo a concentrarmi poi ho preso il controllo e mantenuto la calma. Il colloquio comunque non ha avuto esito positivo anche se ho mostrato fermezza. Cosa fare in questi casi.A volte si subisce ma come visto non ha funzionato.
    Grazie per la risposta.

    Mantenere la calma, oppure rovesciare la situazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *