Focus Professione: Lavorare come Grafico Pubblicitario

Posted on Pubblicato in Inventarsi un lavoro

lavoro pc graficaIl grafico pubblicitario (o anche se si vuole Designer) è una figura che si occupa di: ideazione e disegno marchi e loghi aziendali, packaging per i prodotti, progettazione editoriale, pubblicitaria, manifesti, riviste, libri, giornali. In particolare, quindi, egli, attraverso l’uso di avanzati programmi di grafica digitale, progetta biglietti da visita, locandine, manifesti, brochure, scegliendo forme e colori che rappresentino l’azienda.

Oggi,  nell’epoca di Internet 2.0, ha ampliato le sue potenzialità, in quanto all’interno delle cose da saper e poter fare rientra quella della progettazione di un sito web per un’azienda o un professionista.

Per diventare ufficialmente un grafico pubblicitario bisogna aver fatto studi artistici, per formarsi una cultura d’arte come base di partenza. E’ indicato quindi frequentare l’Istituto d’arte o il liceo artistico o come formazione post-diploma, l’Accademia di Belle Arti.

Ci sono strutture universitarie come il DAMS ( Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo) di Bologna ( ma è presente anche in altre città italiane ) che offrono la possibilità di prepararsi nel campo delle arti grafiche e visive. Infine ci sono corsi e master, organizzati da scuole private come l’Istituto Europeo del Design, che possono aiutare concretamente nella formazione mirata alla pubblicità e al marketing e soprattutto dare ottimi strumenti per il lavoro.

Sono ovviamente fondamentali elevate competenze informatiche e conoscere bene i più importanti software di grafica

Inoltre, il grafico pubblicitario dovrà destreggiarsi sempre tra gli aspetti tecnici e quelli estetici, in modo che il risultato sia funzionale sotto il profilo del marketing. Poi dovrà anche tenere conto delle spese, ovvero deve essere bravo a fare lavori che non risultino troppo dispendiosi per l’azienda e quindi deve saper contenere il budget per la sua campagna pubblicitaria. In realtà, il grafico, formatosi come tale, non è specificamente anche un pubblicitario e verrà spesso affiancato da un altro professionista per poter concludere al meglio il suo lavoro.

E’ opportuno che il grafico pubblicitario conosca molto bene le seguenti tecniche: esecuzione del progetto grafico, realizzazione del prototipo, aggiornamento e ricerca di testi e immagini, progettazione grafica, progettazione grafica-strutturale siti web, progettazione dinamica siti web, controllo qualità della progettazione. E ancora, che sappia trattare le immagini, conosca i materiali di supporto, come la carta, il cartone, la carta se è lucida, opaca, liscia, ecc. per poter capire l’effetto grafico dell’immagine su di una locandina, un libro o un manifesto.

Poi servirà una buona dose di creatività e intraprendenza, professionalità e aggiornamento continuo.

Vi segnalo il sito dell’Adicom, Associazione Italiana pubblicitari e designer: www.adicom.info

Infine, questi sono due siti specializzati nei lavori di tipo artistico e creativo che vi segnalo per la ricerca di annunci:

Articolo tratto dal sito BIANCOLAVORO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *