Per trovare lavoro devi scoprire la tua strada e seguirla!

Posted on Pubblicato in Cercare & Trovare Lavoro, Coaching, Inventarsi un lavoro

orientamentoNel mare di offerte di lavoro e in piena crisi economica un po’ tutti ci dimentichiamo delle nostre aspirazioni professionali: Che lavoro vorremmo fare?  Il lavoro è per noi solo un mezzo per guadagnare soldi (ormai davvero pochi!) e sopravvivere…o è anche e soprattutto uno strumento di realizzazione personale?

Oggi in Italia il solo parlare di aspirazioni professionali sembra utopico, quasi offensivo nei confronti della gente che conta i soldi ogni giorno perché non arriva a fine mese! Ma come disse il buon vecchio Seneca: “Non c’è vento favorevole per chi non sa dove andare”.

Nel mio lavoro come Consulente di Orientamento e Coach per il lavoro entro spesso in contatto con gente che cerca lavoro ormai da tempo e continua a vagare senza una meta precisa!

Il processo comune di solito è questo: dopo aver cercato lavoro in un settorespecifico e non lo trovano…si inizia a cercarne uno qualunque e dovunque…purchè sia lavoro!

Si pensa che ampliando il numero e il tipo di lavori che siamo disposti a fare aumentino anche le probabilità di trovarlo…E invece ci si muove come falene nella notte…la ricerca senza meta porta scarsi risultati e finisce per buttarci ancora di più nella disperazione…!

Ecco che invece è fondamentale scoprire la propria strada per poterla percorrere fino in fondo!

Questo significa avere un’obiettivo chiaro che faccia un po’ di luce e che guidi nella ricerca: se si conosce la meta si cercheranno le strade migliori per arrivarci…e si continua ad esplorarle finchè non si arriva!

Ed è qui che entra la passione! Credo fortemente che per scegliere la nostra meta dobbiamo seguire la nostra passione vera! E’ la stessa passione che ci sostiene nel momento difficile della ricerca, che ci dà la forza per continuare e perseverare!

Quando sarà ben chiaro qual è la nostra “aspirazione” sarà più facile muoversi in quella direzione. Se avremo chiaro il nostro obiettivo professionale, il nostro cervello, al pari di un computer, attiverà tutto quello che è in suo potere per portarci verso il nostro obiettivo.  Cominceremo a notare tanti particolari relativi al nostro obiettivo: annunci di lavoro dedotti tra le righe di una pubblicità, altre persone che hanno trovato il lavoro che cerchiamo da prendere come esempio, aziende che hanno aperto da poco e cercano personale…

Se siamo focalizzati siamo anche più veloci nel selezionare le offerte che ci interessano, sistemeremo meglio il nostro c.v., la nostra lettera di presentazione sarà più efficace, e noi stessi appariremo più motivati e intraprendenti.

Come dei felini che cercano la propria preda saremo attenti, efficaci, scaltri fino a quando l’avremo ottenuta… il pessimismo non avrà più spazio in noi perché abbiamo un obiettivo da raggiungere e, anche se la strada sarà dura e faticosa, avremmo un punto di riferimento in lontananza che non ci farà perdere la via…

Tratto da: Blog BiancoLavoro

3 thoughts

  1. Grazie infinite Mariangela.
    Sai sempre rincuorare e dare forza ed entusiasmo in questo viaggio che è la vita e che spesso ci porta a incroci pericolosi; ma come dici tu e come sosteneva Seneca con i suoi venti, io aggiungo che se hai ben presente il “cartello stradale” che devi seguire, difficilmente ti perderai. Per quel che mi riguarda, tra le prime cose che farò c’è quella di cancellarmi da quei siti di ricerca lavoro che non rispondono alle mie esigenze e che, oltre a portarti in un marasma di offerte per te improduttivo che fa perdere solo tempo senza farti concludere nulla, pensano forse soprattutto a farsi pubblicità perché purtroppo, ahimè, la disoccupazione è diventata anche mercato, business. Il buon Dio mi ha fatto dono della fantasia e della creatività e dovrò puntare su quelle per farcela, oltre che sulle competenze acquisite nel tempo. Forse la creatività e la fantasia sono alcuni degli elementi che mancano oggi nella ricerca del lavoro, nel mercato del lavoro e in tutto ciò che riguarda questa splendida vocazione umana. Una buona parte è piatta, grigia, livellata, anche e soprattutto nelle aspirazioni, manca di anima. Forse è soprattutto questo che stiamo pagando: l’esserci dimenticati di noi stessi e di chi siamo.
    Ancora infinite grazie Mariangela, un bacio e buon proseguimento vacanze.
    Ciao!
    Maria

  2. Cara Maria,
    grazie a te per le tue bellissime parole…..CREATIVITA’, FANTASIA, ANIMA….se tutti mettessimo questo nel lavoro, nella sua ricerca…o nella sua creazione, il mondo sarebbe diverso sicuramente!
    Apriamo la nostra mente e ripartiamo da noi stessi!

    un caro saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *